venerdì 4 marzo 2011

la prima volta che mi sono fatta inculare

penso di aver avuto 29 anni ed era pasquetta, o forse il primo maggio.
Stavo con A. Sì praticamente è mia intenzione farmi tutto l'alfabeto. Ora sto con b. C...
comunque, a. era strano forte.
Era un prepotente ed un frustrato, so mica come ci son finita assieme. Ah già me lo ricordo, volevo un ragazzo, vicino a casa mia, mi ero stufata di stare sola, e avevo appena smesso di sentirmi con un mitomane. Rinunciai a b. che avevo appena conosciuto, e al mio gran rimpianto, quello che ancora oggi mi dice "dai che si parte per Parigi", peccato lo proclami su faccia libro dove anche B. lo legga.

 (B. SANTO SUBITO).

Insomma con a. stavo da qualche mese, ed era una relazione strana. Non si faceva praticamente nulla insieme, se non scopare e scopare non era neppure un gran che. Però era molto molto bravo con la lingua, ed aveva un cazzo enorme. Ma enorme sul serio, sai quando leggi venti cm, ma sopratutto largo ecc. ecc?
Metti che era anche circonciso...
Il problema era, che al di là delle dimensioni del suo cazzo, non c'era nulla di bello in lui. Sì gli occhi...Ma a me della leggenda che le donne guardano gli occhi di un uomo ecc ecc, non è mai importato nulla. Aveva un retrogusto di viscido. Credo sia morta con lui la favola del master azzurro. Dell'amore e dell'unica persona che ti potesse dare tutto e a cui dare tutto. Che ti proteggesse, della gelosia che era bella e del due cuori e una capanna.

Fondamentalmente da fuori, era il massimo. Ottima posizione in una multi nazionale, laureato, la sua famiglia è ricca e potente. Forse oggi un po' meno potente visto che il padre è dal 2000 entra ed esce dagli arresti domiciliari per tangentopoli.
Di lui che posso dire? Frustrazione, io leggevo quello in lui. Non era mai veramente contento, ed era stracattolico. Uno stracattolico strano forte visto quanto poi fosse razzista ed altro. Voleva il controllo totale delle persone. All'inizio credevo che mandargli un sms per raccontagli cosa facessi, fosse una cosa carina per "stare vicini comunque" poi mi resi conto che per lui voleva dire tenermi sotto controllo. Addirittura mi disse che non era contento che andassi all'ambulatorio degli immigrati perchè poteva esser pericoloso o non so che. Quando ci ripenso mi viene l'ansia. Perchè ho resistito più di una settimana con lui? Perchè ogni relazione che avevo avuto non era sopravvissuta più di tre mesi, quindi ero convinta che fosse colpa mia, che bagliassi in qualcosa. Insomma volevo arrivare almeno a 4 cazzarola! E mi pare che a 5 non siamo arrivati.
Poi ho cominciato anche ad aver paura di lui. Gli scatti di ira eran sempre di più. Ammise che le sue ex le picchiava. Ma poi passava tutto. Io gli dissi che se anche a me avesse detto "mi fai schifo" o mi avesse alzato le mani, sarebbe finita. 
Era simpatico solo quando si ubriacava. Lui stesso ammetteva che per stare calmo, doveva bere una decina di birre e ancora non era sbronzo era solo di buon umore. E io continuo a non capire cosa gli mancasse per esser felice.

Comunque, sesso in auto non lo faceva. Perchè diceva che stava scomodo, al massimo petting.
All'inizio non era così. Dopo è cambiato. All'inzio era amore, passeggiate, voglia di star insieme, di raccontarsi. Poi lentamente, ogni cosa era una spesa. La pizza doveva rinfacciare di averla comperata o che erano dei ladri...Il cinema dieci euro per una cazzata. Quindi alla fine i nostri incontri erano solo venirmi a prendere per andare alla sua casa al mare. Riportarmi a casa. E anche su quello cominciava ad aver da ridire. Sai i km...Praticamente era il camorrista della lallili. Mi trattava come un'amante anche se dovevo esser la sua fidanzata ufficiale. Non ho mai preso l'auto per raggiungerlo da qualche parte. Ogni proposta di vivere i nostri anni, di vedere un film, di fare un'escursione, di qualsiasi cosa a prescindere era un "a me non va. E tu da sola non puoi farlo. Stiamo qui accucciati". Un pazzo. E mentre stavo con lui, per modo di dire visto che si vedeva solo il fine sett e poi sempre più di rado, pensavo a quel ragazzo dolce e un po' maldestro. B, che voleva andare in capo al mondo con me

La casa al mare era una villa molto bella, non era la solita baracca rimediata, con tremila letti a castello. Era una casa in cui si sarebbe potuto viver tutto l'anno. C'era tanta polvere quello sì. E una stanza era rovinata dall'umidità. Il sesso si faceva nel letto dei suoi. Una roba allucinante quella stanza. Tutta tempestata di santini. Persino la foto del Papa che mi guardava. Ma non è che ci facessi tanto caso, o che mi importasse veramente. La prima volta è stato strano. Era già un paio di volte che gli facevo un pompino e lui me la leccava, ma non volevo fare sesso completo. Ancora no. Lui mi si mise sopra e comincio a passarmi la cappella sulla figa. Ne potevo spostarmi nè volevo. E poi è entrato. E io mi sono messa a piangere. Non so bene perchè. Credo fosse un pianto finto, perchè volevo dirgli che ero contenta che lo stessimo facendo, ma siam sempre stati su due lunghezze diverse. Io ti preparo le lasagne, anche se tu hai voglia di panino al prosciutto. Adesso, son un po' migliorata. Non ti preparo una cippa, se hai fame, apri il frigo e prendi quello che vuoi. 
Ls cosa divertente è che il pisello gli prese praticamente fuoco, perchè io non ero per nulla eccitata.
Ben ti stà tiè.

Ando avanti un altro po'. E poi un giorno, guardavamo al tv, nel salotto della villa bianca.
Ogni volta che andavamo lì, mi faceva cambiare e si cambiava, per stare comodi. Indossavo una sua magliettona e i pantaloncini. Presi un cuscino e lo poggiai a terra, e cominciai a fargli un pompino. Per un po' ci stette, poi mi disse che potevano vederci e la cosa non gli piaceva. Voleva andare nella camera. E così fu.
Allontanai il copriletto odioso...
E il resto lo sai.
Glielo dissi io di sodomizzarmi. Ok, sì di incularmi.
Ma lo fece a secco. e io ovviamente sentii un dolore pazzesco. Come se dietro mi stessero quarciando. Con la sua melliflua voce che diceva rilassati e a me piace tanto. Io ero altrove. E piangevo. Piangevo come un vitello. Lui mi disse che se volevo si toglieva, e io dissì di no, non volevo che si sentisse rifiutato. Venne dopo poco. E la cosa più schifosa che potesse dirmi, fu "speriamo che ora non caghi".
Ok, ok, te mi ci prendi sempre in giro con sta storia, ma è diverso. Moooolto diverso.
Forse mi aspettavo che mi coccolasse, che si scambiassimo parole d'amore, che almeno mi tranquillizzasse. Ma noi si era distanti mille anni. E la cosa buffa è che se ora b. viene e dopo il sesso mi cerca per coccole, come minimo riceve un graffio sulla faccia alla gatto rognoso.

Me ne andai in bagno per cercare di calmarmi. Avevo quel piantolin che sembra un disco rotto, una puntina che salta. Non usciva nulla dal culo. Non uscì lo sperma come nei racconti erotici, non cagai meglio nelle successive giornate. Anzi andai stitica. Non glielo permisi più anche se volevo riprovare da morire. Ma sapevo già che non era la persona giusta e stavo cercando un modo per abbandonarlo. Una scenata che mi paralizzò e un braccio stritolato furon degli ottimi argomenti.

Perchè ti riracconto tutto questo? Perchè mi ero appena masturbata. E non ho proprio voglia di andare a teatro. non ho proprio voglia di niente. Vorrei stare qui tumulata al buio. Possibilmente senza la nonna che arriva a dirmi che son una bugiarda perchè se viene B. allora non è una serata di rappresentanza. E possibilmente vorrei evitare di legger nel suo sguardo tanto disprezzo. Arrenditi vecchia che hai rotto il cazzo.

21 commenti:

  1. Leggo una vena bukowskiana e la cosa non mi dispiace. Si possono dire una marea di puttanate al riguardo e siccome non sono il tipo, mi risparmio. Perchè la scelta di un mediocrissimo pazzo e per di più fasullo cattolico?
    La faccenda del ragazzo con il padre galeotto, tangentopoli, mi interessa tantissimo, magari unendo i pezzi si viene a capo delle magagne politiche. Piangere durante il rapporto sessuale, sei troppo dolce. Dalla solitudo ci guadagni di salute. Mi congedo.. vado a pensare.

    RispondiElimina
  2. @Ciao Inneres, era un pochino che non ti sentivo, post tuo a parte, todo bien!?!?

    @Discepolo mi raccomando pensa bene. Perchè...Perchè tutti i perchè che ti potrei spiegare, non hanno senso. E non ne ero neppure innamorata, se l'amore è una giustificazione.

    RispondiElimina
  3. che si fottessero i stracattolici e i cattolici senza stra

    RispondiElimina
  4. Todo bien una sega. Ma si campa

    RispondiElimina
  5. @Fabrax son mica tutti scemi. Poi per certa gente, calcio, fede e politica è solo un alibi per esser stronza.

    @Inneres, mi spiace anche se non posso sapere perchè non va bene. Però guarda il lato positivo,si sopravvive!

    RispondiElimina
  6. Seppur in ritardo, non posso esimermi. Come sempre mi appassiona leggerti, soprattutto quando parli delle cosacce. Sei adorabile! Impagabile! Però... pure tu... la prima volta dietro con uno così e che ce l'ha così. Sei proprio matta. ;)

    RispondiElimina
  7. Bel post, quando sei giù scrivi veramente da Dio (a proposito di cattolici)...

    Cmq questo dimostra che le misure non sono tutto...un trionfo per noi...comuni mortali sotto i 20 (non è l' età) !!
    ciao bella..

    ah...
    cmq pure te...a "crudo"..avrebbe pianto pure jessica rizzo

    RispondiElimina
  8. @Carlos ero ingenua, e farcita di racconti erotici strampalati.

    @pisolo: non lungo che sciacqui ma grosso che intoppi e duro che duri.

    RispondiElimina
  9. setuccia stà cosa è vecchia..
    andava bene una decina di anni fa..

    Un bel "fragolo" imponente è sempre un bel "fragolo"....
    poi in qualche modo ce lo facciamo durà....siamo nel 2000..

    E' sempre meglio sentire un pO' di dolore che niente!!

    a dopo

    RispondiElimina
  10. certo che esordire con un venticentimetrieppiù.... dev'essere da folli???? :)

    RispondiElimina
  11. @bad se non sai quello che ti aspetta e come funziona, che ne sai come funziona?

    RispondiElimina
  12. Vergognati, per scrivere una roba del genere su internet bisogna avere seri problemi mentali; comunque di quel poco che ho letto non credo niente, anzi di sicuro sarai solo una sfigata che spara cazzate oppure una che succhia il cazzo al mio prof ottantenne sull'autostradda per un euro e cinquanta

    RispondiElimina
  13. è un bel racconto. perchè anche farsi inculare fa parte della vita. e l'importante si sa, è vivere. buonanotte

    RispondiElimina
  14. Pura fantasia, forse è quello che vorrebbe.

    RispondiElimina
  15. grande stronzata di fantasia rincretinita.Io potrei dirne di piu peggiori di michiate

    RispondiElimina
  16. ma fatevi inculare. Che ne avete bisogno.

    RispondiElimina
  17. quante cazzate mammamia mi rendo conto che la gente non ha veramente un cazzo da fare

    RispondiElimina
  18. ti è piaciuto farti inculare?

    RispondiElimina
  19. Scrivere scemenze e da dementi

    RispondiElimina